3.4 C
Rome
lunedì, Novembre 28, 2022

UN’ALTRA ICONA ROCK SE NE È ANDATA. ADDIO A JERRY LEE LEWIS

LE ULTIME NEWS

IRENE CARA MORTA LA CANTANTE ATTRICE DI “FAME” E “FLASHDANCE”

Ci ha lasciato un'altra star icona degli anni 80, Irene Cara, è morta all'età di 63 anni. Irene Cara, nota soprattutto per canzoni di grande...

ELISA E I MUSE PER LA PRIMA VOLTA INSIEME IN “GHOSTS (HOW CAN I MOVE ON)”

Anche gli artisti possono essere fan. E quando riescono ad incontrare i propri beniamini, si emozionano esattamente come noi. Avrete visto i video su...

ACHILLE LAURO ESCE IL NUOVO SINGOLO “CHE SARA'”

Dopo la diretta di questa sera alle 21:00, per farlo conoscere in anteprima ai suoi fan, esce domani 25 novembre il nuovo singolo di...

CONFERENZA STAMPA “RAPUNZEL IL MUSICAL”

Si è svolta questa mattina presso il teatro Brancaccio la presentazione del musical "Rapunzel", la seconda edizione che debuttera' il 2 dicembre e rimarrà...

I NOSTRI SOCIAL

7,959FansLike
1,503FollowersFollow
4SubscribersSubscribe

“Jerry Lee Lewis, the last originator of rock, dies at 87”

Comincia così il post pubblicato su Facebook, sulla pagina ufficiale del grandissimo artista e riportata anche dal suo agente Zach Farnum.

Dopo la fake news pubblicata da TMZ nella giornata di ieri, la notizia di oggi è tristemente vera.

Icona, mito…indescrivibile quello che Lewis é stato per la storia del rock, se ne è andato oggi nella sua casa di Memphis, all’età di 87 anni.

Ultimo sopravvissuto di una generazione di innovatori e sperimentatori: Elvis Presley, Chuck Berry, Little Richard

Questo lo splendido post pubblicato sui suoi social:

 

JERRY LEE LEWIS, THE LAST ORIGINATOR OF ROCK, DIES AT 87

Somewhere in the world, in a mean little honky-tonk or big music hall or church basement rec room, someone is playing a Jerry Lee Lewis song. Wherever there is a piano, someone is shouting…

You shake my nerves and you rattle my brain
Too much love drives a man insane…

“But they won’t play it like the Killer,” Lewis liked to say, as if he needed to make sure the whole world was hearing him right, hearing the pounding genius of it, in songs like “Whole Lotta Shakin’ Goin’ On,” “Breathless” and “Great Balls of Fire.”
“’Cause,” he liked to say, “ain’t but one of me.”

You broke my will
But what a thrill…

Lewis, perhaps the last true, great icon of the birth of rock ‘n’ roll, whose marriage of blues, gospel, country, honky-tonk and raw, pounding stage performances so threatened a young Elvis Presley that it made him cry, has died.

He was there at the beginning, with Elvis, Johnny Cash, Chuck Berry, Little Richard, Carl Perkins, Fats Domino, Buddy Holly, and the rest, and watched them fade away one by one till it was him alone to bear witness, and sing of the birth of rock ‘n’ roll.

“Who would have thought,” he said, near the end of his days, “it would be me?”

Goodness gracious, great balls of fire!

He suffered through the last years of his life from various illnesses and injuries that, his physicians have often said, should have taken him decades ago; he had abused his body so thoroughly as a young man he was given little chance of lasting through middle age, let alone old age.

“He is ready to leave,” his wife Judith said, just before his death.

Lewis, who performed everything from “Over the Rainbow” to Al Jolson, who played the Opry and the Apollo and even Shakespeare, was 87 years old.

Some music historians have wondered if Lewis, regarded by his fans and many music historians as rock’s first, great wild man, might be indestructible; his obituary has been written, re-written, then shelved, gathering dust for a day that seemed inevitable, but seemed to never come. He defied death in his old age just as he shrugged off the hard-driving, self-destructive lifestyle of his younger years, to play his music to a worldwide audience across seven decades, decorate the walls of his home with Grammys and gold records, and spawn a million outrageous stories — most of them true.
Once, when asked by a biographer: “Is it true that…”

“Yeah,” interrupted Lewis, without waiting to hear the particulars, “it probably was.”

His beginnings sounded like myth. His father, Elmo, and mother, Mamie, mortgaged their farm to buy him a piano, after he climbed onto a piano bench and, without ever having touched a keyboard before, began to play. His nickname, Killer, had nothing to do with his playing, but came from a schoolroom fight in Ferriday when he tried to choke a grown man with his own necktie; still, it fit the man, the musician to come, but there was more to him than a barroom piano pounder who sometimes kept a pistol in his pants.

Musicians and music journalists called him a true virtuoso, whose music was so rich and complex that some of them swore there were two pianos on stage instead of one. He played honky-tonk and blues across the same keyboard in the same instant, could play melody with both hands. He sang rockabilly before he knew it had a name, sang blues, gospel and country in the same set and sometimes the same breath, to become No. 24 on Rolling Stone’s 100 Greatest Artists of All Time. Sam Phillips, who launched the careers of Elvis and Lewis at Sun Records in Memphis, called Lewis the most talented person he had ever seen. A talent that made him one of the very few to be inducted into both the Rock and Roll Hall of Fame’s first class in 1986 and, most recently this past week, at long last, into the Country Music Hall of Fame.

As Lewis stacked hits on the charts in ’57 and Elvis received his draft notice, the reigning king of rock ‘n’ roll drove to Sun Records in tears, to tell Lewis: “You can have it.”

But if Jerry Lee’s life was a comet that streaked across the sky of American music, it was also a thing that scorched him inside and out, and so many of the people around him.

Judith, his seventh wife, was by his side when he passed away at his home in Desoto County, Mississippi, south of Memphis. He told her, in his final days, that he welcomed the hereafter, and that he was not afraid.

Born into the Assembly of God church in his hometown of Ferriday, Louisiana, he never stopped believing, even when his lifestyle made the specter of hell seem closer. His greatest fear, that he would be condemned to a lake of fire for playing what many in his Pentecostal faith called “the devil’s music,” haunted him. He shared his fear with Elvis, who begged him to never mention it again. Lewis thought Elvis, also a Pentecostal, was the one person who might understand, but he died in ’77, leaving Lewis to wonder, alone.

He had prayed every day across his long life for forgiveness, and for salvation. His was a church that believed in miracles; why, he sometimes wondered, should he not be one of them? He found peace near the end of his life in a simple idea: that a music that brought such joy to so many could only come from God, “and the devil,” he said, “didn’t have nothin’ to do with it.”

“He said he was ready to be with Jesus,” said Judith.

His last album was a gospel record with his cousin, lifetime televangelist Jimmy Swaggart, who had preached against his music when they were younger. In Jerry Lee’s final months, they took turns at the keyboard, singing songs they learned as children: “Old Rugged Cross” and “Lily of the Valley” and “In the Garden.” Lewis, though his voice and body were weakened by his injury and a recent stroke, seemed happy, content.

Much of his life, Lewis had seemed determined to leave the world in the great fire he sang about. He set pianos ablaze, busted hecklers in the head with the butt-end of his microphone stand and rammed the gates of Graceland with his Rolls Royce. He shot holes in the wall of his Memphis office with a .38 revolver, shot his bass player in the chest, “by accident,” with a .357. His life, at different times, was a blur of high-speed chases and Crown Royal. The DEA met his planes on the runway. Fortunes came and went; all the wild rock musicians who came after him, he said, were mostly amateurs. Keith Richards tried to toss up a bottle of Crown Royal and catch it by the neck, like him, “but he never did it right … wasted a bunch of good liquor.”

But if you asked him, in his waning years, what he hoped people would say about him, he had a simple answer.
“You can tell ‘em I played the piano and sang rock ‘n’ roll.”

His career, like his body, seemed doomed a dozen times.

After soaring to the top of the charts in ’57 with songs like “Shakin’” and “High School Confidential,” he was castigated in the press for his marriage to his 13-year-old cousin, Myra. His rock’n’ roll star seemed to burn out even as it began to rise, and after a few big hits in the early 1960s his career seemed to be over. He responded by loading two cars with instruments and musicians and hitting the road, to play some big rooms, still, but also every honky-tonk and beer joint that would pay him to perform. He fought his way out of beer joints in Iowa, then drove all night and all day to another town and another show.

Sometimes he gave them magic and sometimes, if the mood was on him, he gave them less, but in his old age he swore he gave them the magic all the time. In ’64, record producers taped his show at a Hamburg, Germany, nightclub and made what would become music history. Live at the Star Club would be regarded as one the rawest, wildest, and greatest live albums of all time.

Then, in a twist that surprised many of his rock fans, Jerry Lee Lewis went country. “Another Place, Another Time,” was just the beginning of a string of soulful country chart-toppers that made him rich and famous all over again. He had more than 30 songs reach Billboard’s Top 10, including “To Make Love Sweeter for You” and a haunting “Would You Take Another Chance on Me.” It seemed only natural to Jerry Lee. He had always believed that Hank Williams hung the moon.

In this new stardom he finally played the Grand Ole Opry, the organization that had once snubbed him, and ignored the two-song protocol to play what and for long as he pleased, even playing through the commercials. Then, in perhaps the oddest twist of his musical career, he was cast as Shakespeare’s sinister Iago in a musical production in Los Angeles; he was a natural.

Once again, he flew around the world, sometimes on his own plane, and once again his lifestyle made almost as many headlines as his music. Tragedy followed him; he buried two sons. His health began to fail, marriages failed, but somehow he always rallied, always kept playing, for big paydays, or for free in a Memphis nightclub, living the life he sang about in his songs.

In 2006, his Last Man Standing album sold a million copies, his best-selling album of his long career. He followed that with another success, Mean Ol’ Man. You could hear the ghosts of the old honky-tonks in them, as if Jerry Lee Lewis had, truly, found a way to stop time. He did a duet with Springsteen.

His Lifetime Achievement Grammy was a kind of crowning achievement, and he appeared at Rock ‘n’ Roll Hall of Fame shows to accept his due and to school the whippersnappers on how it was done.

In 2012, when he was 76, he fell in love and married Judith, and they lived quietly – quietly for Jerry Lee Lewis – in northern Mississippi, though Lewis continued to do shows here in the U.S. and abroad. That year they took a trip to Ferriday to visit the family cemetery, and to drive across the bridge to Natchez where, as a boy, Jerry Lee used to dangle over the girders high above the brown water of the Mississippi and the passing boats below. The other boys begged him to get down, but he just hung there, grinning, till they were in tears. When asked if he was scared, a lifetime later, he just looked surprised. The Killer didn’t get scared. But looking down at the river as an old man, he said he might have been crazy.

Later, they drove past the church where he beat the piano to pieces with his cousins Swaggart and Mickey Gilley, who would go on to country music stardom, pounding a little blues and honky-tonk into the hymns they were supposed to be practicing.

Just across town from the tiny church had once stood the other temple of his musical education, a blues joint called Haney’s Big House, where some of the biggest acts in the country came to play. As a little boy, he snuck in the door and hid under the tables to hear rolling blues piano and wicked guitar. And somewhere in between it all, between the hymnals and the beer joints, between Hank Williams and Ray Charles, he found something that was his alone. It was always a waste of breath to ask if he had any regrets.

He had a million, and he had none. It all just depended on the song that was running through his head at the time.

“I’ve had an interesting life,” he said, in his 2014 biography, “haven’t I?”

Written by Rick Bragg

Jerry Lee Lewis is survived by his wife, Judith Coghlan Lewis, his children Jerry Lee Lewis III, Ronnie Lewis, Pheobe Lewis and Lori Lancaster, sister Linda Gail Lewis, cousin Jimmy Swaggart and many grandchildren, nieces and nephews. He was preceded in death by his parents Elmo and Mamie Lewis, sons Steve Allen Lewis and Jerry Lee Lewis Jr., his siblings Elmo Lewis Jr. and Frankie Jean Lewis and his cousin Mickey Gilley.

Services and more information will be announced in the following days. In lieu of flowers, the Lewis family requests donations be made in Jerry Lee Lewis’ honor to the Arthritis Foundation or MusiCares – the non-profit foundation of the GRAMMYs / National Academy of Recording Arts and Sciences.

Traduzione:

MUORE A 87 ANNI JERRY LEE LEWIS, L’ULTIMO CREATORE DEL ROCK

Da qualche parte nel mondo, in un piccolo honky-tonk meschino o in un grande music hall o in una sala ricreativa nel seminterrato di una chiesa, qualcuno sta suonando una canzone di Jerry Lee Lewis. Ovunque ci sia un pianoforte, qualcuno sta gridando…

You shake my nerves and you rattle my brain
Too much love drives a man insane…

“Ma non lo suoneranno come il Killer”, amava dire Lewis, come se avesse bisogno di assicurarsi che il mondo intero lo ascoltasse bene, ascoltando il suo genio martellante, in canzoni come “Whole Lotta Shakin’ Goin’ On”, “Breathless” e “Great balls of fire”.
“Perché”, amava dire, “non è che uno di me”.

You broke my will

But what a thrill

Lewis, forse l’ultima vera grande icona della nascita del rock ‘n’ roll, il cui matrimonio di blues, gospel, country, honky-tonk e spettacoli teatrali crudi e martellanti ha così minacciato un giovane Elvis Presley da farlo piangere, è morto.

Era lì all’inizio, con Elvis, Johnny Cash, Chuck Berry, Little Richard, Carl Perkins, Fats Domino, Buddy Holly e il resto, e li guardava svanire uno dopo l’altro finché non fu lui solo a testimoniare e cantare la nascita del rock ‘n’ roll.

“Chi l’avrebbe mai detto”, disse, verso la fine dei suoi giorni, “sarei stato io?”

Goodness gracious , great balls of fire!

Ha sofferto negli ultimi anni della sua vita di varie malattie e ferite che, hanno detto spesso i suoi medici, avrebbero dovuto prenderlo decenni fa; aveva abusato del suo corpo così a fondo da giovane che gli erano state date poche possibilità di sopravvivere fino alla mezza età, per non parlare della vecchiaia.

“È pronto a partire”, ha detto sua moglie Judith, poco prima di morire.

Lewis, che ha interpretato di tutto, da “Over the Rainbow” ad Al Jolson, che ha interpretato l’Opry e l’Apollo e persino Shakespeare, aveva 87 anni.

Alcuni storici della musica si sono chiesti se Lewis, considerato dai suoi fan e da molti storici della musica come il primo grande uomo selvaggio del rock, potesse essere indistruttibile; il suo necrologio è stato scritto, riscritto, poi accantonato, raccogliendo polvere per un giorno che sembrava inevitabile, ma sembrava non arrivare mai. Ha sfidato la morte nella sua vecchiaia proprio mentre si scrollava di dosso lo stile di vita duro e autodistruttivo della sua giovinezza, per suonare la sua musica a un pubblico mondiale per sette decenni, decorare le pareti della sua casa con Grammy e dischi d’oro, e generando un milione di storie oltraggiose, la maggior parte delle quali vere.
Una volta, quando un biografo gli chiese: “È vero che…”

“Sì”, lo interruppe Lewis, senza aspettare di sentire i dettagli, “probabilmente lo era”.

I suoi inizi suonavano come un mito. Suo padre, Elmo, e sua madre, Mamie, ipotecarono la loro fattoria per comprargli un pianoforte, dopo che si arrampicò su una panca e, senza aver mai toccato una tastiera prima, iniziò a suonare. Il suo soprannome, Killer, non aveva nulla a che fare con il suo modo di suonare, ma proveniva da una rissa in una scuola a Ferriday quando cercò di soffocare un uomo adulto con la sua stessa cravatta; tuttavia, si addiceva all’uomo, al musicista che doveva divenire, ma in lui c’era qualcosa di più di un rissaiolo pianista da bar che a volte teneva una pistola nei pantaloni.

Musicisti e giornalisti musicali lo definivano un vero virtuoso, la cui musica era così ricca e complessa che alcuni di loro giurarono che sul palco ci fossero due pianoforti invece di uno. Suonava honky-tonk e blues sulla stessa tastiera nello stesso istante, sapeva suonare la melodia con entrambe le mani. Ha cantato rockabilly prima di sapere che aveva un nome, ha cantato blues, gospel e country nello stesso set e talvolta lo stesso respiro, per diventare il numero 24 nella classifica dei 100 più grandi artisti di tutti i tempi di Rolling Stone. Sam Phillips, che ha lanciato la carriera di Elvis e Lewis alla Sun Records di Memphis, ha definito Lewis la persona più talentuosa che avesse mai visto. Un talento che lo ha reso uno dei pochissimi ad essere inserito nella prima classe della Rock and Roll Hall of Fame nel 1986 e, più recentemente la scorsa settimana, finalmente, nella Country Music Hall of Fame.

Mentre Lewis accumulava successi nelle classifiche nel ’57 ed Elvis riceveva la sua cartolina per il militare, il re in carica del rock ‘n’ roll è andato alla Sun Records in lacrime, per dire a Lewis: “Puoi averlo”.

Ma se la vita di Jerry Lee è stata una cometa che ha attraversato il cielo della musica americana, è stata anche una cosa che lo ha bruciato dentro e fuori, e così tante persone intorno a lui.

Judith, la sua settima moglie, era al suo fianco quando è morto nella sua casa nella contea di Desoto, Mississippi, a sud di Memphis. Le disse, nei suoi ultimi giorni, che accoglieva con favore l’aldilà e che non aveva paura.

Nato nella chiesa dell’Assemblea di Dio nella sua città natale di Ferriday, in Louisiana, non ha mai smesso di crederci, anche quando il suo stile di vita faceva sembrare più vicino lo spettro dell’inferno. La sua più grande paura, che sarebbe stato condannato a un lago di fuoco per aver suonato ciò che molti nella sua fede pentecostale chiamavano “la musica del diavolo”, lo perseguitava. Ha condiviso la sua paura con Elvis, che lo ha pregato di non menzionarlo mai più. Lewis pensava che Elvis, anche lui pentecostale, fosse l’unica persona che avrebbe potuto capire, ma morì nel ’77, lasciando Lewis a porsi queste domande da solo.

Aveva pregato ogni giorno per tutta la sua lunga vita per il perdono e per la salvezza. La sua era una chiesa che credeva nei miracoli; perché, si chiedeva a volte, non dovrebbe essere uno di loro? Ha trovato la pace verso la fine della sua vita in un’idea semplice: che una musica che ha portato tanta gioia a così tanti può venire solo da Dio, “e il diavolo”, ha detto, “non aveva niente a che fare con esso .”

“Ha detto che era pronto per stare con Gesù”, ha detto Judith.

Il suo ultimo album era un disco gospel con suo cugino, il telepredicatore Jimmy Swaggart, che aveva predicato contro la sua musica quando erano più giovani. Negli ultimi mesi di Jerry Lee, si sono alternati alla tastiera, cantando le canzoni che hanno imparato da bambini: “Old Rugged Cross” e “Lily of the Valley” e “In the Garden”. Lewis, sebbene la sua voce e il suo corpo fossero indeboliti dall’infortunio e da un recente ictus, sembrava felice, soddisfatto.

Per gran parte della sua vita, Lewis era sembrato determinato a lasciare il mondo nel grande fuoco di cui cantava. Ha dato fuoco ai pianoforti, ha colpito in testa dei disturbatori con l’asta del microfono e speronato i cancelli di Graceland con la sua Rolls Royce. Ha sparato buchi nel muro del suo ufficio di Memphis con un revolver .38, ha sparato al suo bassista al petto, “per caso”, con un .357. La sua vita, in tempi diversi, è stata un confuso di inseguimenti ad alta velocità e Crown Royal. La DEA ha incontrato i suoi aerei sulla pista. Le fortune andavano e venivano; tutti i musicisti rock selvaggi che vennero dopo di lui, disse, erano per lo più dilettanti. Keith Richards ha cercato di lanciare una bottiglia di Crown Royal e prenderla per il collo, come lui, “ma non l’ha mai fatto bene… ha sprecato un mucchio di buon liquore”.

Ma se gli chiedevi, nei suoi ultimi anni, cosa sperava che la gente dicesse di lui, aveva una risposta semplice.
“Puoi dire loro che suonavo il piano e cantavo rock ‘n’ roll”.

La sua carriera, come il suo corpo, sembrava condannata una dozzina di volte.

Dopo essere salito in cima alle classifiche nel ’57 con canzoni come “Shakin” e “High School Confidential”, è stato castigato dalla stampa per il suo matrimonio con sua cugina di 13 anni, Myra. La sua stella del rock’n’roll sembrava esaurirsi anche quando iniziò a crescere, e dopo alcuni grandi successi nei primi anni ’60 la sua carriera sembrava essere finita. Ha risposto caricando due macchine con strumenti e musicisti e percorrendo la strada, per suonare in alcune grandi sale, ancora, ma anche in ogni honky-tonk e birreria che lo avrebbe pagato per esibirsi. Ha combattuto per uscire dalle birrerie in Iowa, poi ha guidato tutta la notte e tutto il giorno verso un’altra città e un altro spettacolo.

A volte dava loro la magia e a volte, se l’umore non era buono, ne dava di meno, ma nella sua vecchiaia giurava che dava loro la magia tutto il tempo. Nel ’64, i produttori discografici registrarono il suo spettacolo in una discoteca di Amburgo, in Germania, e fecero quella che sarebbe diventata la storia della musica. Live at the Star Club sarebbe diventato uno degli album dal vivo più crudi, selvaggi e migliori di tutti i tempi.

Poi, con una svolta che ha sorpreso molti dei suoi fan rock, Jerry Lee Lewis è andato in campagna. “Another Place, Another Time” è stato solo l’inizio di una serie di canzoni country, piene di sentimento e subito in cima alle classifiche country che lo hanno reso di nuovo ricco e famoso. Aveva più di 30 canzoni che hanno raggiunto la Top 10 di Billboard, tra cui “To Make Love Sweeter for You” e un inquietante “Would You Take Another Chance on Me”. Sembrava naturale a Jerry Lee. Aveva sempre creduto che Hank Williams fosse appeso alla luna.

In questa nuova celebrità ha finalmente suonato al Grand Ole Opry, l’organizzazione che una volta lo aveva snobbato, e ha ignorato il protocollo delle due canzoni per suonare quello che voleva e per tutto il tempo che voleva, anche attraverso gli spot pubblicitari. Poi, forse nella svolta più strana della sua carriera musicale, è stato scelto per interpretare il sinistro Iago di Shakespeare in una produzione musicale a Los Angeles; era un talento naturale.

Ancora una volta ha volato in giro per il mondo, a volte sul proprio aereo, e ancora una volta il suo stile di vita ha fatto notizia quasi quanto la sua musica. La tragedia lo seguì; seppellì due figli. La sua salute iniziò a peggiorare, i matrimoni fallirono, ma in qualche modo si è sempre mobilitato, ha sempre continuato a suonare, per grandi guadagni o gratuitamente in una discoteca di Memphis, vivendo la vita di cui cantava nelle sue canzoni.

Nel 2006, il suo album Last Man Standing ha venduto un milione di copie, il suo album più venduto della sua lunga carriera. Lo seguì un altro successo, Mean Ol’ Man. Si sentivano i fantasmi dei vecchi honky-tonk al loro interno, come se Jerry Lee Lewis avesse davvero trovato un modo per fermare il tempo. Ha duettato con Springsteen.

Il suo Grammy alla carriera è stato una sorta di coronamento, ed è apparso agli spettacoli della Rock ‘n’ Roll Hall of Fame per accettare ciò che gli era dovuto.

Nel 2012, quando aveva 76 anni, si innamorò e sposò Judith, e vissero tranquillamente – tranquillamente per Jerry Lee Lewis – nel nord del Mississippi, anche se Lewis continuò a fare spettacoli qui negli Stati Uniti e all’estero. Quell’anno fecero un viaggio a Ferriday per visitare il cimitero di famiglia e per attraversare il ponte fino a Natchez dove, da ragazzo, Jerry Lee era solito penzolare sopra le travi in alto sopra l’acqua marrone del Mississippi e le barche di passaggio sotto. Gli altri ragazzi lo pregavano di scendere, ma lui rimaneva lì, sorridendo, finché non furono in lacrime. Quando gli è stato chiesto se fosse spaventato, una vita dopo, sembrava semplicemente sorpreso. Il killer non si è spaventato. Ma guardando il fiume da vecchio, disse che poteva essere pazzo.

Più tardi, passarono davanti alla chiesa dove fece a pezzi il pianoforte con i suoi cugini Swaggart e Mickey Gilley, che sarebbero diventati celebrità della musica country, suonando un po’ di blues e honky-tonk negli inni che avrebbero dovuto esercitarsi.

Proprio dall’altra parte della città rispetto alla piccola chiesa c’era un tempo l’altro tempio della sua educazione musicale, un locale blues chiamato Haney’s Big House, dove venivano a suonare alcuni dei più grandi artisti del paese. Da ragazzino, si intrufolava nella porta e si nascondeva sotto i tavoli per ascoltare un pianoforte blues che rotolava e una chitarra malvagia. E da qualche parte in mezzo a tutto questo, tra gli inni e le birrerie, tra Hank Williams e Ray Charles, ha trovato qualcosa che era solo suo. Era sempre uno spreco di fiato chiedere se avesse dei rimpianti.

Aveva un milione e non ne aveva. Tutto dipendeva solo dalla canzone che gli passava per la testa in quel momento.

“Ho avuto una vita interessante”, ha detto, nella sua biografia del 2014, “non è vero?”

Scritto da Rick Bragg

Jerry Lee Lewis lascia la moglie, Judith Coghlan Lewis, i suoi figli Jerry Lee Lewis III, Ronnie Lewis, Pheobe Lewis e Lori Lancaster, la sorella Linda Gail Lewis, il cugino Jimmy Swaggart e molti nipoti, nipoti e nipoti. Fu preceduto nella morte dai suoi genitori Elmo e Mamie Lewis, dai figli Steve Allen Lewis e Jerry Lee Lewis Jr., dai suoi fratelli Elmo Lewis Jr. e Frankie Jean Lewis e da suo cugino Mickey Gilley.

Servizi e maggiori informazioni saranno annunciati nei prossimi giorni. Al posto dei fiori, la famiglia Lewis chiede che vengano fatte donazioni in onore di Jerry Lee Lewis alla Arthritis Foundation o MusiCares, la fondazione senza scopo di lucro dei GRAMMYs / National Academy of Recording Arts and Sciences.

Luisella Orsi
Giornalista & Speaker Radiofonica

Recensioni

Chiara Galiazzo: “ Bonsai” – La nostra recensione

Abbiamo ascoltato il nuovo album di Chiara Galiazzo “Bonsai” , il quarto pubblicato dall’artista veneta, vincitrice della sesta edizione di X-factor nel...

Marina Rei: “Per essere felici” – La nostra recensione

E’ uscito ed abbiamo ascoltato il nuovo lavoro di Marina Rei: “Per essere felici”. Il disco è stato anticipato da tre singoli:...

THE WILDEST SEASON – DREAM COMPANY

In un periodo musicalmente cupo come questo, trovare band che abbiano ancora la voglia e il coraggio di mettersi in gioco è cosa rara....

PRISCILLA “I’M COMING” E “REMEMBER” – LA NOSTRA RECENSIONE

L'universo sconfinato di YouTube è sempre fonte di sorprese. A volte belle, a volte brutte. E a noi di Bitsound piace davvero molto andare alla...