25.9 C
Rome
lunedì, Giugno 24, 2024

USCITA LA PRIMA CANZONE POSTUMA DI TAYLOR HAWKINS

LE ULTIME NEWS

RON: “COME UNA FRECCIA INTORNO AL CUORE”, TOUR 2024

Dal titolo di uno dei suoi più grandi successi, “Come una freccia in fondo al cuore”, arriva il tour estivo di RON, che a...

DIODATO TOUR 2024 ROMA “VENERE IN MUSICA”

Ieri sera la prima data del tour estivo 2024 di Diodato, in un contesto suggestivo nel cuore della Roma antica,  nel tempio di Venere....

I GREENDAY “SONO ANCORA VIVI” (ECCOME!)

“Siamo ancora vivi”, ha detto Billie Joe Armstrong, frontman dei Greenday, in un italiano quasi perfetto. E lo sono davvero! Più di 70.000 persone (quasi...

PUBBLICO IN DELIRIO PER TOM MORELLO E THOMAS RAGGI A LONDRA

Pubblico inglese in delirio per Tom Morello - il leggendario chitarrista dei Rage Against The Machine e Audioslave - e Thomas Raggi dei Måneskin che si sono esibiti...

I NOSTRI SOCIAL

7,959FansLike
1,503FollowersFollow
6SubscribersSubscribe

Tre settimane dopo la prematura scomparsa di Taylor Hawkins (batterista dei Foo Fighters), morto il 25 Marzo a soli 50 anni, è uscita in questi giorni la sua prima canzone postuma.

Non un suo brano, a dire il vero, ma il frutto della sua collaborazione con Edgar Winter (già collaboratore di Ringo Starr nella sua All-Starr Band), fratello di Johnny Winter, icona del blues scomparsa nel 2014.

Proprio al fratello Johnny è dedicato il nuovo lavoro di Winter, che, per omaggiarlo, ha chiamato a raccolta diversi amici e colleghi per registrare cover di alcune canzoni del suo repertorio.

Soltanto qualche mese fa Hawkins aveva registrato la sua versione di “Guess I’ll go away” (insieme al chitarrista Doug Rapporport), uscita ora insieme agli altri brani che compongono l’album “Brother Johnny”.

Edgar Winter aveva preannunciato la sua collaborazione con Hawkins subito dopo la notizia della sua scomparsa.

“Ho avuto l’onore e il privilegio di lavorare con lui. Ha registrato un’incredibile parte come voce solista in una canzone scritta da Johnny con il fenomenale chitarrista della mia band, Doug Rappoport. Non appena ho conosciuto Taylor sono rimasto colpito dalla sua sincerità, dalla sua energia positiva e dal suo entusiasmo. Quella sessione è stata un’esperienza che non dimenticherò mai”.

Raccontando poi della scelta del brano aveva aggiunto:

“Ho riascoltato la registrazione e non ho potuto fare a meno di piangere. È una canzone sul fascino del sesso, sul pericolo delle droghe e sull’amore per il rock’n’roll. Johnny la scrisse nel periodo della sua prima riabilitazione ed esprime sentimenti che quasi tutti quelli che conosco hanno vissuto in un modo o nell’altro. Immagino (come la maggior parte di tutti i musicisti) che Taylor non potrebbe fare a meno di identificarsi con tutto ciò. Tutto quello che so è che ci ha messo tutto il suo cuore e la sua anima, e sono così triste di non aver mai trovato un modo per ringraziarlo adeguatamente come meritava”.

Mentre non sono ancora chiare le circostanze che hanno portato alla morte il batterista appena cinquantenne in un albergo di Bogotá, gli investigatori colombiani hanno reso noto che nel suo corpo sono state trovate tracce marijuana, oppioidi, antidepressivi, benzodiazepine e altre droghe per un totale di 10 diverse sostanze.

Continua, dal giorno della sua scomparsa, il silenzio dei suoi compagni della band. Dopo aver annullato il tour mondiale, hanno preferito non partecipare nemmeno alla cerimonia dei Grammy Awards, che li ha comunque visti trionfare in ben 3 categorie.

Luisella Orsi
Giornalista & Speaker Radiofonica

Recensioni

DIODATO TOUR 2024 ROMA “VENERE IN MUSICA”

Ieri sera la prima data del tour estivo 2024 di Diodato, in un contesto suggestivo nel cuore della Roma antica,  nel tempio di Venere....

SAMUELE BERSANI & ORCHESTRA: TERME DI CARACALLA

Ieri sera eravamo al concerto di Samuele Bersani, che ha fatto tappa a Roma nella bellissima cornice delle Terme di Caracalla con il suo...

“MARIO VENUTI CELEBRA 60 ANNI DI VITA E 40 DI CARRIERA TOUR “, ROMA AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA ENNIO MORRICONE

Grande ritorno a Roma ieri sera all'Auditorium Parco della musica per Mario Venuti. Dopo sette anni di assenza, torna accompagnato da un'ottima band: Pierpaolo...

“IL CANTASTORIE RECIDIVO” DANIELE SILVESTRI – Auditorium Parco della Musica di Roma.

30 concerti per celebrare i primi 30 anni di carriera: Daniele Silvestri è tornato dal vivo, da gennaio ad aprile 2024, con il nuovo...