13.7 C
Rome
Wednesday, May 25, 2022

USCITA LA PRIMA CANZONE POSTUMA DI TAYLOR HAWKINS

LE ULTIME NEWS

EUROVISION: VOTI IRREGOLARI PER 6 PAESI

La European Broadcasting Union (EBU) ha pubblicato nella serata di ieri un comunicato alquanto sorprendente. Un insieme di irregolarità definito "inaudito".

“NO STRESS” IL NUOVO SINGOLO DI MARCO MENGONI

Marco Mengoni torna con un nuovo singolo ”No Stress” che anticipa la seconda parte del progetto partito con ”Materia (Terra)” il primo...

LA BOMBA FASK (Fast Animals and slow kids)

Ci sono, nel mondo della musica, una schiera di band da "sold out" che non fanno parte del mondo main stream.E forse...

ROCK IN ROMA, TORNA FORTE COME NON MAI !

Rock in Roma torna forte come non mai, nell’edizione più attesa, dopo due anni di stop dei live a causa delle misure restrittive...

I NOSTRI SOCIAL

7,959FansLike
1,503FollowersFollow
4SubscribersSubscribe

Tre settimane dopo la prematura scomparsa di Taylor Hawkins (batterista dei Foo Fighters), morto il 25 Marzo a soli 50 anni, è uscita in questi giorni la sua prima canzone postuma.

Non un suo brano, a dire il vero, ma il frutto della sua collaborazione con Edgar Winter (già collaboratore di Ringo Starr nella sua All-Starr Band), fratello di Johnny Winter, icona del blues scomparsa nel 2014.

Proprio al fratello Johnny è dedicato il nuovo lavoro di Winter, che, per omaggiarlo, ha chiamato a raccolta diversi amici e colleghi per registrare cover di alcune canzoni del suo repertorio.

Soltanto qualche mese fa Hawkins aveva registrato la sua versione di “Guess I’ll go away” (insieme al chitarrista Doug Rapporport), uscita ora insieme agli altri brani che compongono l’album “Brother Johnny”.

Edgar Winter aveva preannunciato la sua collaborazione con Hawkins subito dopo la notizia della sua scomparsa.

“Ho avuto l’onore e il privilegio di lavorare con lui. Ha registrato un’incredibile parte come voce solista in una canzone scritta da Johnny con il fenomenale chitarrista della mia band, Doug Rappoport. Non appena ho conosciuto Taylor sono rimasto colpito dalla sua sincerità, dalla sua energia positiva e dal suo entusiasmo. Quella sessione è stata un’esperienza che non dimenticherò mai”.

Raccontando poi della scelta del brano aveva aggiunto:

“Ho riascoltato la registrazione e non ho potuto fare a meno di piangere. È una canzone sul fascino del sesso, sul pericolo delle droghe e sull’amore per il rock’n’roll. Johnny la scrisse nel periodo della sua prima riabilitazione ed esprime sentimenti che quasi tutti quelli che conosco hanno vissuto in un modo o nell’altro. Immagino (come la maggior parte di tutti i musicisti) che Taylor non potrebbe fare a meno di identificarsi con tutto ciò. Tutto quello che so è che ci ha messo tutto il suo cuore e la sua anima, e sono così triste di non aver mai trovato un modo per ringraziarlo adeguatamente come meritava”.

Mentre non sono ancora chiare le circostanze che hanno portato alla morte il batterista appena cinquantenne in un albergo di Bogotá, gli investigatori colombiani hanno reso noto che nel suo corpo sono state trovate tracce marijuana, oppioidi, antidepressivi, benzodiazepine e altre droghe per un totale di 10 diverse sostanze.

Continua, dal giorno della sua scomparsa, il silenzio dei suoi compagni della band. Dopo aver annullato il tour mondiale, hanno preferito non partecipare nemmeno alla cerimonia dei Grammy Awards, che li ha comunque visti trionfare in ben 3 categorie.

Luisella Orsi
Giornalista & Speaker Radiofonica

Recensioni

Chiara Galiazzo: “ Bonsai” – La nostra recensione

Abbiamo ascoltato il nuovo album di Chiara Galiazzo “Bonsai” , il quarto pubblicato dall’artista veneta, vincitrice della sesta edizione di X-factor nel...

Marina Rei: “Per essere felici” – La nostra recensione

E’ uscito ed abbiamo ascoltato il nuovo lavoro di Marina Rei: “Per essere felici”. Il disco è stato anticipato da tre singoli:...

THE WILDEST SEASON – DREAM COMPANY

In un periodo musicalmente cupo come questo, trovare band che abbiano ancora la voglia e il coraggio di mettersi in gioco è cosa rara....

PRISCILLA “I’M COMING” E “REMEMBER” – LA NOSTRA RECENSIONE

L'universo sconfinato di YouTube è sempre fonte di sorprese. A volte belle, a volte brutte. E a noi di Bitsound piace davvero molto andare alla...